I nuovi insight di Facebook

Mi arriva il messaggino: hai vinto in esclusiva il trial dei nuovi insight di Facebook.
Bene, visto che proprio oggi dovevo preparare una serie di report per me e per alcuni clienti accetto subito il trial e inizio a lavorare. Oddio in realtà il primo pensiero, detto alla toscana, è stato: “Boia dè che culo, proprio oggi che c’ho da fà un ballino di report mi cambiano il sistema”, ma sorvoliamo e andiamo avanti :-)

Intanto le nuove statistiche si aprono con una bella panoramica, più chiara di quella presente nella versione precedente, con un focus su “Mi piace”, “Portata” e “Coinvolgimento” seguita dalla lista degli ultimi post per ognuno dei quali vengono indicate una serie di informazioni rilevanti (tipo di post, destinatari, portata e coinvolgimento).

Per adesso i dati sono tutti riferiti all’ultima settimana ma se andiamo nell’area dedicata all’approfondimento della pagina dove è possibile trovare informazioni sui “Mi piace” (netti, provenienza, spontanei, device), la portata dei “Post” e le “Visite” quello che spicca è la scala temporale:
intanto è bloccata e selezionabile solo nel range del trimestre per la quale sono disponibili i dati (quindi mai più l’odioso messaggio “i dati relativi al periodo selezionato non sono disponibili”) ma soprattutto la gestione della finestra temporale avviene ora in forma grafica sia come intervallo di tempo che nello shift , molto più immediata e intuitiva che non i 2 calendarietti che avevmo prima (che comunque restano) e con i grafi che si aggiornano in tempo reale.
Questo effettivamente ci voleva.

 

Molto utili poi e soprattutto chiari anche i grafici relativi alle visite e al tipo di contenuto visualizzato.

In realtà tutte queste informazioni erano già disponibili ma la loro fruibilità era veramente minima e, a meno di non utilizzare qualche servizio di reporting online, FB ci obbligava a scaricare il file dei dati grezzi, importarlo in un excel e costruire a questo punto tutti i grafici. Chi lo ha fatto sa che sto parlando di un excel con decine di fogli interni ognuno dei quali sviluppato su decine di campi. Piuttosto noioso da trattare.

Bene, andiamo avanti: troviamo nella panoramica l’accesso all’area dedicata agli utenti con qualche informazione sui demografics e, anche qui molto utile, una serie di dati di confronto tra i fans, gli altri utenti (non fans) che hanno visitato la nostra pagine e gli utenti FB in generale.
Interessante e immediata infine la statistica sulle tipologie di contenuto più viste (post, foto e link).

Dunque promosso FB a pieni voti per aver reso più agevole la consultazione degli insight che ci permetterà di abbandonare presto i “tabelloni” di excel o i servizi di reporting a pagamento.

E se poi avessero dato una sistematina anche ai dati che ci sono dietro (e tra picchi, buchi e incongruenze chi ogni mese li legge ed analizza come me sa di cosa parlo) avremmo fatto bingo!

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS