Tag Archives: promozione

Eppure qualcosa si muove

Nelle ultime 2 settimane ho avuto modo di partecipare in maniera serrata ad una serie di incontri in cui si affrontavano le tematiche della promozione online e della comunicazione digitale nel settore del turismo; qualche albergatore, l’associazione delle strade del vino della Toscana, un gruppetto di tour operator, un paio di musei e qualcun’altro ancora.
That’s incredible!!! Nel giro di pochi giorni le riflessioni e gli incontri fatti si sono trasformati in offerte vacanze e pacchetti turistici pubblicati online, in itinerari raccontanti sotto forma di blog e di commenti su Facebook, in video inseriti su Youtube.

Allora qualcosa si muove: speriamo che sia un poco anche “colpa” mia.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS

Promuoversi sul web: Turismo, Siti e Social Networks.

Ormai e’ piu’ di un anno che mi occupo di promozione turistica online con alcuni progetti che si sono rivelati piuttosto validi e che hanno portato a risultati che sono andati oltre ogni aspettativa ( tra i molti la campagna di comunicazione “Voglio Vivere Cosi’ ” della Regione Toscana e il portale www.turismo.intoscana.it).
Ho incontrato albergatori, ristoratori, proprietari di agriturismi e B&B, gestori di stabilimenti balneari ed organizzatori di eventi e quasi sempre mi e’ stata chiesta una mano nel progettare un sito, elaborare una strategia sui social network, valutare il lavoro di una web agency.
L’unico impegno che ho pero’ potuto prendere e’ stato quello di pubblicare qualche riflessione generale sul tema che possa aiutare a costruire al meglio una presenza sul web e quindi eccoci qua. Non e’ la ricetta magica, ma credo possa essere utile.
Andiamo al sodo:
1) tenete sul web un solo ed unico sito. Tutti i punti di ingresso al web (pubblicità’, banner, keyword advertising, pagine su altri portali…) alla fine devono convergere sul solo ed unico sito della vostra azienda
2) quando fate pubblicità niente di generico; promuovete prodotti, servizi, temi specifici e la relativa pubblicità (banner, link…) non deve mai puntare alla homepage page del vostro sito ma alle pagine specifiche del servizio che state reclamizzando
3) le persone sul web non leggono. Meglio quindi parlare per immagini e per emozioni; in un secondo momento anche le parole ma prima di tutto belle, bellissime fotografie che devono occupare almeno la meta’ delle pagine di ingresso al sito
4) attivate un servizio di statistiche indipendente, tipo Google Analytics, e dedicate un poco di tempo per verificare se il vostro sito funziona.
Ok calcolare gli accessi, ma e’ molto più importante verificare se gli utenti navigano il sito oppure se lo abbandonano subito.
Tenete d’occhio il numero di pagine viste ed il tempo di permanenza medio di ogni visitatore. Sono buoni valori 4-5 pagine viste per ogni visitatore e almeno 3 minuti di permanenza media. Occhio anche alla frequenza di rimbalzo che indica se i visitatori che arrivano sul vostro sito lo navigano o se invece scappano appena arrivati; un buon valore e’ minore del 40-50% ovvero almeno la meta’ delle persone che arrivano sul sito lo guardano.
5) verificate le referenze della società a cui darete l’incarico di svilupparvi il sito.
Questo vale soprattutto se avete intenzione di lavorare anche sui social network; purtroppo il settore in questo momento e’ poco conosciuto e pieno di venditori di fumo e visto che sul web tutto resta e niente si cancella, scegliete bene le persone alle quali metterete in mano la reputazione della vostra azienda.
NB: Referenze vuole dire aver gia’ realizzato e messo in linea molti lavori e non “star lavorando su…”.
6) se avete intenzione di “essere sui social network”, Facebook per primo, ricordatevi che nessuno può sostituirvi, perché solo voi ed i vostri clienti potete raccontare e conversare con entusiasmo della vostra struttura.
7) su Facebook, sui blog, su Twitter la parola d’ordine e’ CONVERSAZIONE. Nessuna pubblicità, nessuna polemica, nessun messaggio ambiguo. Il mondo dei social nasce per conversare e questo e’ l’ unico modo di esserci.
Una pagina con una descrizione promozionale e qualche foto non serve assolutamente a niente.
Una pillola ogni giorno ( una ricetta, il tempo, una vostra iniziativa, un saluto ai clienti, qualche parola su un evento della vostra zona… ) , i commenti dei vostri clienti e le loro esperienze vi promuoveranno invece con forza e con risultati.
8 )invitate i vostri clienti a parlare di voi ed a raccontare la loro vacanza. Chiedete agli ospiti di pubblicare le loro foto sulle vostre e sulle loro pagine; questo genererà a cascata un passaparola di fiducia verso i loro amici che da soli verrano a cercarvi.
9) a proposito dei commenti sulla vostra struttura:
– leggete i commenti sulla vostra struttura. Possono aiutavi a migliorare laddove i clienti siano insoddisfatti e possono mostrarvi punti di forza da promuovere che magari nemmeno sospettavate
– rispondete alle recensioni negative cercando di non nascondere niente ma anzi mostrandovi disponibili e segnalando laddove abbiate provveduto
– rispondete e meglio ancora conversate: niente toni polemici e niente poemi. Le persone leggono poco e si stufano subito. Quindi un linguaggio semplice, diretto, non noioso e per niente formale
– se i vostri clienti sono soddisfatti, invitateli scrivere su di voi ed a raccontare con entusiasmo la loro vacanza
10) infine ricordate che non siete il centro dell’universo ma non siete nemmeno soli: promuovete le vostre offerte legandole al territorio, agli eventi, ai prodotti tipici, alle attività sportive.
Il turista e’ ormai abituato a navigare su Internet, a valutare e a confrontare.
La sola e triste offerta del paghi 2 e dormi 3 non e’ più interessante per nessuno.

E dunque buon lavoro a tutti!

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS

Voglio Vivere Così: signori si parte

E’ ormai quasi un anno che lavoro con i colleghi della Fondazione e della Regione al concept della nuova campagna di comunicazione della Regione Toscana e finalmente, dopo un duro lavoro ce l’abbiamo fatta ed abbiamo scoperto le carte su quella che in molti definiscono a livello mondiale come la più innovativa attività di comunicazione mai fatta da un Ente pubblico.
Cancellate parole come “Campagna pubblicitaria”, “Advertising”, “Concessionaria” e “Brochure” ci si muove invece nei più interessanti ed innovativi concept di “Infrastruttura di comunicazione permanente”, “Social Media Team”, “Partecipazione in Rete”, “Blog” e “User generated Content”.
Concetti difficili da far passare in un mondo che ancora vive di tabellari e pubblicità ma che rappresentano l’essenza di  un progetto effettivamente molto complesso ed innovativo.

Componenti della Camapgna

Io ci sono dentro fino al collo e se da un lato la cosa mi rende molto orgoglioso, dall’altro un pochino mi fa riflettere sulle responsabilità e sulle notti insonni che mi aspettano.
Anche perchè come dire… adesso c’è da farlo!

E venendo al progetto, invece che presentarlo per l’ennesima volta, preferisco citare quei media che ne hanno capito l’essenza (magari sistemando qualche parolina giusto per essere ancora più precisi).
E come sempre, ben venga chi vuole fare quattro chiacchiere sull’argomento.


Da Travelling Interline

…una prima mondiale organizzata in collaborazione con Google e con la media partnership di Mtv e alla quale sarà presente anche la modella Marta Cecchetto, testimonial della campagna…

..Target privilegiato: il viaggiatore giovane, colto, esigente, attento ad un’offerta turistica meno canonica e che utilizza principalmente internet e i social network per progettare le proprie vacanze…

…la nuova campagna toscana trova nel web il suo elemento centrale grazie alla collaborazione con Google e ad un “Social Media Team” – composto da 10 giovani “evangelist” multilingue – che porterà la Toscana in tutti i principali social network e social media, da YouTube a Facebook, passando per Flickr e Linkedin

…”Voglio vivere così” sarà presente da subito in 10 aeroporti internazionali, e successivamente in 20, tramite “Digital touch point” che permettono la fruizione del sito e di tutti i servizi proposti…

Da asca.it
..soprattutto tanto Internet, con in testa gli strumenti piu’ innovativi: Facebook, Myspace, Flickr, Youtube. E’ la campagna di comunicazione (che sara’ presentata il 13 marzo a Berlino) messa in piedi dalla Toscana, per promuovere il turismo nella Regione…

…il ‘cuore’ della campagna e’ pero’ su Internet: il nuovo sito www.turismo.toscana.it e’ gia’ online, ma saranno utilizzati soprattutto social network o community come Facebook, Myspace, Flickr, Youtube. Sono stati stretti anche accordi con Google (per Streetview e per una serie di Adwords) e Mtv

…”Entro l’anno – ha spiegato l’assessore al turismo Paolo Cocchi – sara’ anche pronta una piattaforma di prenotazione unica per tutte le strutture della Toscana”. Nei maggiori aeroporti del mondo (tra cui Milano, Londra, New York, Pechino), poi, saranno installate postazioni multimediali in cui sara’ possibile collegarsi al sito del turismo toscano, scaricare audioguide e informazioni. Da luglio, infine, sara’ disponibile una card per accedere a una serie di vantaggi per vivere e viaggiare in Toscana”…

Da intoscana.it
…una campagna di marketing, rivolta ad un nuovo tipo di turista-viaggiatore: giovane, colto, esigente, alla ricerca di offerte originali e di qualità, che si auto-organizza utilizzando internet…

Da intoscana 3.0
…Il profilo di questo nuovo viaggiatore è sovrapponibile a quello degli utenti-navigatori più attenti alle innovazioni e alle opportunità offerte dalla rete. E grazie alla rete il Turista2.0 acquista biglietti e pacchetti di viaggio, cerca sistemazioni rispondenti alle proprie esigenze, anche in base ai commenti e alle recensioni positivi di altri viaggiatori…

Da informazione.it
…Il web rappresenta proprio il punto di forza di questa campagna che, oltre al nuovo portale www.turismo.intoscana.it, coinvolgerà i social network più popolari: da Youtube a Flickr, da Facebook a My Space a Twitter. Convenzioni sono state stipulate con Google per l’utilizzo di “Adwords”, la tecnologia che regola le inserzioni pubblicitarie on line, mentre dalla prossima estate sarà disponibile per tutti i capoluoghi il servizio “Street view”. In un futuro non lontano, gli utenti avranno la possibilità di entrare nei negozi virtuali per fare acquisti reali. Ma non c’è solo il web: la campagna prevede postazioni multimediali in vari aeroporti, tra cui Milano, Londra e Pechino. Da luglio per chi si iscriverà sul sito ci sarà una card che prevede facilitazioni…

Altre

…sempre in collaborazione con Google, la Regione renderà presto “visitabili” le sue principali città con il servizio StreetView di GoogleMaps, ma vuole spingersi ancora più avanti, come consentire ai turisti di fare visite virtuali nei negozi delle sue strade, per poi fare e-commerce…

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS

Idee per un buon web (2) – La promozione

Un anno fa, in seguito ad una serie di incontri con alcuni amici che si occupano di musei e promozione del territorio, riunii in un paragrafetto una serie di considerazioni e consigli su come realizzare ed organizzare un sito per un museo.
Ma un anno in rete è un periodo mostruosamente lungo e quindi è venuto il momento di aggiustare un poco il tiro.

Innazitutto vediamo cosa la Rete mette a disposizione; stiamo parlando di arte e cultura e quindi niente di meglio che lavorare su video.
www.youtube.it offre gratuitamente la tecnologia (streaming) per poter inserire su un sito sito filmati video.
Non solo; il grande valore aggiunto è che un video inserito su Youtube e richiamato dai nostro sito, entra a far parte della grande famiglia dei video di Youtube e quindi se lo abbiamo classificato e catalogato per bene, tutti coloro che nel mondo cercheranno su Youtube argomenti attinenti al ns video, lo troveranno e lo vedranno. E nel nostro caso, è tutta promozione per il Museo.

Sullo stesso concetto di divulgazione e condivisione in Rete abbiamo poi http://www.flickr.com/ per le fotografie.
Su questo sito è infatti possibile inserire immagini segnalandone ovviamente la fonte e rimandando al sito del Museo.
E così dopo una buona classificazione delle fotografie inserite, queste saranno automaticamente proposte ai navigatori interessati a musei e mostre.

Mettiamo poi sul sito una mappa geografica interattiva che non solo indichi dove si trova il museo, ma che permetta agli utenti di calcolare il percorso per raggiungerlo.
Questo si può fare, gratuitamente, con Google Maps ( http://maps.google.it/ )

Apriamo la biglietteria al mondo.
Sono ormai decine le società che offrono servizi di tickting online.
Senza costi da sostenere e senza complicazioni tecnologiche ma con il solo costo di una piccola revenue su ogni biglietto venduto.
E se anche i biglietti non si vendono, il nome del museo “gira” e viene comunque conosciuto in tutti i circuiti di diffusione dei biglietti.

Andiamo oltre con un bel blog.
Un museo che propone periodicamente mostre ed iniziative, potrebbe aprire un Blog invitando i visitatori (quelli fisici del museo) ad andare sul sito per commentare e partecipare attivamente alle iniziative ed alla vita del museo.
Se poi il blog, invece che sul sito del museo si trova su un portale ben visitato, secondo la stessa logica che vi raccontavo prima, questo sarà proposto agli utenti del portale che grazie al blog verranno a conoscenza del museo. Quindi altro interesse e promozione per il sito e per il museo.

E se poi ci vogliamo proprio sdare, identifichiamo in rete i siti di social network che hanno tra gli interessi la cultura, l’arte ed i musei e creiamo e creiamoci una nostra rete di relazioni, oppure più semplicemente aderiamo ad una rete già esistente raccontando e promuovendo quello il Museo e le sue attività.

Alla prossima.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS